Smart Road e monitoraggio dei ponti

Head of Project Financing

Smart Road è un progetto che potenzia la capacità delle strade di auto-conoscersi e di auto ri-conoscersi, per quanto riguarda le caratteristiche sia statiche sia fortemente dinamiche, come i carichi, le condizioni di funzionamento o quelle climatiche.

La rete stradale è una delle infrastrutture critiche di un Paese, essenziali per i cittadini, la cui distruzione, interruzione o indisponibilità – anche parziale o momentanea – avrebbe l’effetto di indebolire in maniera significativa l’efficienza e il funzionamento normale del Paese stesso, la sua sicurezza e il sistema economico-finanziario e sociale, compresi gli apparati della pubblica amministrazione centrale e locale.

La prevenzione di eventi catastrofici passa dall’attenzione al territorio mediante la realizzazione di progetti che utilizzano i benefici della tecnologia in situazioni “quotidiane”, come il controllo della stabilità di edifici o infrastrutture come ponti, viadotti e gallerie. Solo quando si riesce a conoscere istantaneamente quando e come si può verificare un evento potenzialmente disastroso, si possono prendere decisioni che incidano realmente sulla prevenzione. Pertanto la visualizzazione, in tempo reale o con ritardi limitati e programmati, dei KPI (Key Performance Indicator) permette di intraprendere misure di intervento veloci e mirate.

Un aspetto cruciale e particolarmente delicato dell’infrastruttura stradele è costituito da ponti e viadotti; per questo motivo numerosi progetti e attività di ricerca si stanno da tempo concentrando sul tema del monitoraggio di questi elementi infrastrutturali.

Per una rilevazione tempestiva della deformazione statica e dinamica di un ponte, si possono intraprendere principalmente tre azioni:

  1. Monitoraggio dinamico e statico per integrare le verifiche sul comportamento delle infrastrutture nel breve e nel lungo periodo
  2. Manutenzione predittiva per individuare il tempo residuo prima del guasto; si tratta di un tipo di manutenzione preventiva effettuata a seguito dell’individuazione di uno o più parametri misurati ed elaborati utilizzando appropriati modelli matematici
  3. Early warning per emettere allarmi o potenziali allarmi in tempi brevissimi a fronte di pericoli imminenti al fine di consentire interventi tempestivi ed azioni immediate e scongiurare danni.

Già qualche anno fa Italtel ha avviato attività di ricerca nell’ambito del Bridge Monitoring, realizzando un progetto in collaborazione con ANAS (Ente Nazionale per le Strade) e ANCE Sicilia (Associazione Nazionale Costruttori Edili) per monitorare la stabilità del Ponte Cinque Archi (Caltanissetta, Sicilia), sito nella S.S. 121 Catanese, che attraversa il fiume Salso con una struttura costituita da cinque archi in muratura, da cui prende il nome.

Se vuoi saperne di più, leggi l’articolo completo su research.italtel.com

Paolo Secondo Crosta
Paolo Secondo Crosta
Paolo Secondo Crosta is currently head of Project Financing within the Strategy and Innovation department at Italtel Spa (Milan, Italy). Over the years he has gained, with diverse roles and increased levels of responsibility, valuable experiences inside the Company, in both technical and managerial areas. Dr. Crosta's primary areas of research have focused on Telco and IT areas (Cloud Computing, NFV, SDN, MEC, Fog Computing), Internet of Things (Healthcare, Industry 4.0, Smart Building, Smart Cities, and Smart Grids), Big Data Analytics and Machine Learning. He is certified “Scrum Product Owner”. He is board member in national and European ICT organizations, member of research conference technical program committees, author of research publications, and member of standardization bodies.
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiorna il tuo browser per visualizzare correttamente questo sito., Aggiorna il mio browser

×