RSA San Giulio di Beregazzo

SFIDA

La Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) San Giulio di Beregazzo è una clinica di riabilitazione geriatrica, che dispone di 93 posti letto accreditati e autorizzati dalla Regione Lombardia e fa parte del gruppo Laetitia, che conta 25 strutture attive nel Nord Italia.

100_8039

In accordo con la direzione generale del gruppo, la direzione della struttura ha avviato un progetto volto ad apportare sempre più minuziosi accorgimenti per garantire un elevato standard di qualità e comfort e in particolare per migliorare la sicurezza e la prevenzione del rischio per il paziente.

I problemi che il progetto mira a risolvere sono:

  • necessità di controllare gli spostamenti autonomi notturni degli ospiti per prevenirne il rischio di caduta ed eventuali fratture
  • necessità di evitare l’accesso degli ospiti a luoghi non idonei
  • necessità di prevenire eventuali fughe degli ospiti affetti da patologia degenerativa mentale
  • miglioramento dell’efficacia dell’assistenza agli ospiti
  • miglioramento di efficienza e diminuzione dello stress degli operatori sanitari durante le ore notturne
  • adeguamento a normative e raccomandazioni ministeriali in atto e in corso di ratificazione

Progetto SURE: sicurezza e prevenzione del rischio per il paziente

SOLUZIONE

Italtel ha partecipato al progetto SURE (Sensori UWB per il Risk managEment), sponsorizzato da Regione Lombardia.
L’obiettivo del progetto è lo sviluppo di una rete di sensori per la sanità, basata su tecnologia UWB (Ultra Wide Band), per l'identificazione e localizzazione, in tempo reale, di pazienti, staff medico, visitatori ed apparecchiature elettromedicali (ad es: defribrillatori, pompe ad infusione, barelle,..) nell’ottica della gestione sicura dei processi di cura.

Il ruolo di Italtel riguarda le attività di:
1
definizione delle specifiche funzionali ed architetturali
2
System Integration
3
supporto all'attività di project management
4
dissemination
Il sistema realizzato permette la localizzazione precisa e univoca di pazienti, staff medico, visitatori, apparati elettromedicali. Attraverso l’integrazione con il Sistema Informativo Ospedaliero, ad ogni paziente viene associato il percorso di cura effettivamente seguito.
Ogni paziente viene dotato di un dispositivo (TAG) grazie al quale è costantemente monitorato nei suoi spostamenti dal personale infermieristico.
Particolare cura si è posta nella gestione dei TAG (braccialetto o collana), tenendo conto della necessità di nasconderli o di adattarli al carattere del paziente. I pazienti stessi hanno contribuito alla realizzazione di un “portatag” allo scopo di aumentare il grado di accettazione dell’oggetto.

100_8061 100_8064

In caso di malore, il paziente in qualunque posto si trovi può richiamare l’attenzione del personale infermieristico/assistenziale, premendo semplicemente un bottone sul TAG.
La generazione automatica di un allarme segnala l’eventuale stato di incoscienza del paziente, dovuto ad esempio a caduta, o se il paziente si trova in luoghi non idonei o cerca di uscire dalla struttura, permettendo al personale medico/infermieristico di riferimento di intervenire prontamente e gestire la presa in carico del paziente.
Inoltre Il sistema consente di monitorare il paziente allo scopo di prevenire cadute e fratture durante gli spostamenti notturni all’interno della struttura.

BENEFICI

Il progetto ha apportato alla RSA numerosi vantaggi economici, di processo, di efficacia e di efficienza, in particolare:

  • il miglioramento dell’efficacia dell’assistenza al paziente, in termini di qualità delle prestazioni e di tempestività nell’erogazione delle stesse:
    • la riduzione del tasso di fratture derivate da trasferimenti notturni in autonomia
    • la rilevazione di alcuni tentativi di fuga da parte di pazienti con demenza
    • il miglioramento dell’efficienza del personale infermieristico del 20%
  • il miglioramento dei processi, in termini di monitoraggio di alcuni processi (Percorso del paziente, Gestione e Prevenzione Emergenze, Gestione Processi Organizzativi)
  • la diminuzione dello stress dell’operatore notturno
  • lo snellimento e la velocizzazione delle procedure d’intervento, la riduzione e la prevenzione del rischio clinico, con un conseguente miglioramento dell’esperienza del paziente.

Infine, i parenti dei pazienti e i pazienti stessi hanno mostrato interesse per il progetto derivante da una “sensazione” di maggior sicurezza, di personalizzazione ed umanizzazione del servizio ma anche di centralità del paziente rispetto al percorso clinico-sanitario.

DETTAGLI TECNICI

Il progetto è stato implementato nella zona della Reception e su un’ala della struttura di degenza.

100_8067

Ogni paziente dell’ala della struttura è stato dotato di un TAG RFID che permette la sua identificazione e localizzazione in tempo reale.
Gli operatori sanitari sono stati dotati di strumentazione multimediale che permette loro di essere costantemente informati riguardo gli spostamenti e le eventuali emergenze verificatesi.
E’ stata fornita formazione per gli operatori sanitari mediante un corso di 5 ore, che li ha messi in grado di utilizzare il sistema senza particolari difficoltà.
A livello tecnologico, la soluzione consta di tre componenti base:
1. TAG attivi, sotto forma di braccialetto o badge, associati a pazienti, visitatori o staff medico, che trasmettono impulsi UWB (Ultra Wide Band) utilizzati per determinare la loro posizione

100_8048

2. sensori, o ricevitori, dislocati nell’area dell’ospedale e montati su infrastrutture fisse, che ricevono, valutano ed elaborano i segnali provenienti dai TAG
3. una piattaforma software per aggregare i dati di posizione generati e per presentare, analizzare e comunicare l’informazione agli utenti e alle applicazioni gestionali.
I dati vengono messi a disposizione attraverso una console di gestione con interfaccia grafica user friendly. La console è web-based e quindi vi si può accedere, previa autenticazione delle proprie credenziali tramite login, sia da postazione fissa sia da portatile o tablet/smartphone.
L’utilizzo di un’infrastruttura wireless UWB consente di ottenere un’elevata precisione nella localizzazione (15-30 centimetri contro i 5-10 metri del Wi-Fi).

CONCLUSIONI

Il sistema SURE consente quindi alla clinica il monitoraggio automatico e in tempo reale di alcuni pazienti a rischio, per evitare la loro uscita dal reparto, tramite l’invio di allarmi in automatico (ad es. con un SMS sul dispositivo dell’operatore); permette inoltre il controllo degli accessi e il monitoraggio dei movimenti notturni dei pazienti, segnalando quelli che si svolgono al di fuori di un perimetro di tre metri dal letto, per prevenire le cadute.

Fattore fondamentale del buon esito del progetto è stata la capacità del personale Italtel di coinvolgere fin da subito tutti gli enti, non solo direzionali e clinici, ma anche IT e di progetto, che ha portato ad una collaborazione totale, efficace e costruttiva. Grande disponibilità hanno dimostrato gli analisti di processo, gli operatori sanitari e il team IT.

Contattaci per saperne di più

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiorna il tuo browser per visualizzare correttamente questo sito., Aggiorna il mio browser

×