Knowledge Building & Sharing: un cambio di paradigma

Performance & Organization Development

Tutto sta cambiando rapidamente e la “formazione” nella sua più ampia accezione non è da meno. La trasformazione digitale sta impattando profondamente i classici paradigmi di riferimento in relazione ai contenuti, ai processi di apprendimento e alle relative modalità di erogazione e di fruizione. Ma c’è anche un aspetto di velocità e rapidità con cui i temi oggetto di apprendimento si evolvono, cambiano, sino a poter rapidamente perdere significato se non anche validità e attualità. Non ultimo un cambio di comportamenti individuali che si è oramai consolidato e che ci vede, chi più chi meno, ricercatori e fruitori di contenuti, informazioni, studi, approfondimenti disponibili in rete e che noi selezionamo in funzione di specifiche preferenze e utilità. Nel nostro contesto aziendale questo può significare, a tendere, non riuscire ad intercettare le vere esigenze formative utili all’azienda e alle persone. Accanto a questa preoccupazione, però, c’è anche la ferma convinzione nelle enormi possibilità che questa trasformazione può offrire e che noi intendiamo cogliere.

Si tratta, quindi, di un vero e proprio cambio di paradigma che introduce gradualmente a nuovi percorsi di “apprendimento organizzativo” che faccia leva sulle potenzialità di self-learning delle persone, sull’utilizzo di piattaforme on-line per attivare, attraverso opportune iniziative di formazione dedicate, processi di Knowledge sharing su alcuni specifici temi, in modo da affiancare nuove modalità alle più tradizionali forme di erogazione della formazione.

In pratica abbiamo individuato un gruppo di quindici colleghi (i c.d. Teachers), che vogliano specializzarsi su alcune tematiche preventivamente individuate, mettando poi in campo azioni di diffusione delle conoscenze acquisite a beneficio di una più ampia platea di beneficiari (c.d. “Learners”).

In questa accezione, essere un Teacher ha significato aver dovuto mettere in campo doti non comuni di organizzazione del proprio tempo, disponibilità nonche capacità di trasferire chiaramente concetti e contenuti ma sopratutto avere un metodo. Ecco perchè abbiamo affiancato un team di consulenti esterni, specializzati in questi ambiti che hanno accompagnato la gestione del progetto e delle persone. Ecco allora che sin dalle prime battute la definizone di Teacher è subito sembrata limitativa e poco rispettosa di una complessità di ruolo che in realtà si doveva caratterizzare fondamentalmente per la capacità di “facilitare” percorsi di apprendimento tra “peers” finalizzati alla definizione di veri e propri Project Plan il cui valore intrinseco è stato determinato dalla loro immediata applicabilità a contesti reali ed a concrete problematiche aziendali.

Ecco allora che un “tradizionale” progetto di formazione (seppur basato su una innovativa piattaforma di contenuti on line quale Coursera è) si è radicalmente trasformato in una iniziativa più articolata e complessa dove le persone coinvolte hanno potuto contribuire attivamente allo sviluppo di idee e contenuti progettuali, trasformando l’iniziativa in un vero e proprio “laboratorio” a cavallo tra la formazione e lo sviluppo individuale.

La costituzione dei gruppi di lavoro ha coinvolto così persone provenienti da diverse funzioni aziendali, favorendo la condivisione di diverse esperienze e diversi punti di vista su problematiche comuni. Inoltre alcuni team hanno avuto una composizione internazionale grazie alla partecipazione di colleghi delle sedi estere (Spagna, Francia e Germania).

Il progetto ha dunque avuto un preciso timing per il suo compimento, che è stato perfettamente rispettato, attraverso alcune precise milestone:

  1. fruizione dei corsi
  2. kick off col team
  3. realizzazione del progetto specifico
  4. presentazione al top management e all’AD

In particolare, in una prima fase, gli enabler hanno ricevuto delle sessioni di formazione specifiche sull’utilizzo della piattaforma, sulle modalità di apprendimento dei contenuti online e di modalità di knowledge transfer, oltre che suggerimenti per la realizzazione del progetto (ad es. deliverables attesi).

Il progetto ha raccolto feedback molto positivi da parte dei partecipanti e dei vari soggetti coinvolti, costituendo una vera e propria success story sia per Italtel sia per la stessa società di consulenza.

L’Azienda in considerazione dell’alto livello di commitment dimostrato e per i tangibli risultati raggiunti ha voluto così premiare tutti i partecipanti in funzione dei diversi livelli di contribuzione, riconoscendo così ai quindici “enablers” un credito welfare aggiuntivo (rispetto a quanto ad oggi contrattualmente previsto) nonchè uno zainetto brandizzato per tutti i partecipanti.

La formula si è dimostrata vincente offrendo al tempo stesso, sviluppo di competenze tecniche e manageriali, esperienze interdisciplinari, interfunzionali e transnazionali e realizzando di fatto una vera esperienza di integrazione in funzione di obiettivi specifici e condivisi…insomma un vero e proprio “Integration Lab” che potrà sicuramente costituire, opportunamente configurato, una delle possibili leve attraverso cui realizzare lo sfidante percorso di avvicinamento culturale, organizzativo e di business tra Italtel ed Exprivia.

 

 

 

Andrea Passariello
Andrea Passariello
HR Business Partnership & International Support: more than fifteen years’ experience in HR processes working side by side with Line Management to align organization with business targets. Drive key processes including staffing, organizational design, leadership & employee development, compensation planning and performance management for the Group, helping directly local management in foreign countries (Argentina, Brazil, Colombia, Peru, Spain, France, Germany and Poland) in order to support growth in the international markets. Change Management & Restructuring: in the context of the Company’s Restructuring Plan, defining and managing rightsizing programs, streamlining processes and organization, with the final goal of improving effectiveness and cost competitiveness and significant Labour Cost reduction. HR Information Technology: drive transformation towards internal HR Management System projects based on new technology and platforms (HCM-Talentia, SAP-HR, Smart working solutions, Unified communication and collaboration tools, Social Media) to increase productivity and flexibility.
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiorna il tuo browser per visualizzare correttamente questo sito., Aggiorna il mio browser

×